Foglio di calcolo per la gestione del ravvedimento operoso

Ravvedimento operoso 2023

Con questo foglio di calcolo gratuito puoi rapidamente calcolare interessi e sanzioni dovuti per regolarizzare qualsiasi tributo versato in ritardo.

Il file, gratuito e in versione Libre Office, gestisce il ravvedimento secondo quanto previsto dalla normativa attuale:

Ravvedimento Sprint

entro 14 giorni dalla scadenza con una sanzione dello 0,1% giornaliero del valore dell’imposta più interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale. Si applica a tutti i tributi.

Ravvedimento Medio

è applicabile dopo il 30° giorno di ritardo fino al 90° giorno, e prevede una sanzione fissa dell’ 1,67% dell’importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

Ravvedimento Breve

applicabile dal 15° al 30° giorno di ritardo, prevede una sanzione fissa dell’ 1,5% dell’importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale. Si applica a tutti i tributi.

Ravvedimento Lungo

Oltre il termine di cui sopra ma entro 2 anni dalla violazione o entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all`anno successivo a quello in cui e’ stata commessa la violazione (4,29%).

Foglio Office

Regol 2023

Aggiornamento 1 gennaio 2023 – versione Open Office / Libre Office

Ho pensato ti potessero interessare anche questi…

  • Rottamazione-quater entro il 30 aprile 2023
    Dal sito dell’Agenzia Riscossione si può presentare richiesta per la cosiddetta Rottamazione Quater, per definire a condizioni agevolate i sospesi con fisco ed enti previdenziali. Richiesta di adesione solo online entro il 30 aprile, rateazione fino a 18 rate.
  • Forfetari superiori a 25k e fattura elettronica
    Chi ha superato il fatturato di 25 mila euro nel 2022 è obbligato alla fatturazione elettronica dal 2023? E’ questo il dubbio che è venuto a molte imprese e professionisti in regime forfetario esentati dall’obbligo anche dopo il 1 luglio 2022.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici 2023
    Anche per il 2023 è possibile recuperare una parte della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi nell’ambito di una ristrutturazione edilizia.