Ad oggi il regime forfetario prevede una tassazione unica al 15% (5% per le startup) in funzione degli incassi e dell'attività svolta. Ogni codice attività ha la sua percentuale di forfettizzazione dei costi, ad esempio molte attività professionali hanno una percentuale di spese deducibili del 22%, mentre nel settore immobiliare i costi riconosciuti sono il 14% dei compensi.

Il regime forfetario subirà modifiche dal 2023, ma alcuni aspetti sono ancora da chiarire

Ad oggi il regime forfetario prevede una tassazione unica al 15% (5% per le startup) in funzione degli incassi e dell’attività svolta.

Ogni codice attività ha la sua percentuale di forfettizzazione dei costi, ad esempio molte attività professionali hanno una percentuale di spese deducibili del 22%, mentre nel settore immobiliare i costi riconosciuti sono il 14% dei compensi.

Artigiani e commercianti possono richiedere una riduzione dei contributi INPS del 35%, liberi professionisti e freelancers non godono di questo beneficio. Attenzione però: meno contributi versati significa meno contributi riconosciuti ai fini pensionistici e per chi è più vicino all’età pensionabile è un risvolto da considerare.

Dal 2023 l’unico cambiamente che appare chiaro è l’innalzamento della soglia di fatturato per non uscire dal regime forfetario; l’attuale limite di 65 mila euro salirà a 85 mila.

Qualche chiarimento invece servirà per il superamento dei limiti di fatturato.

Il momento di fuoruscita dal regime ad oggi è previsto per l’anno successivo a prescindere dal fatturato. Il nuovo limite di 100 mila anticiperebbe il momento all’anno stesso.

Non è una modifica di poco conto per chi si trova in questa situazione sia per quanto riguarda l’IVA che verrebbe applicata a partire dalla fattura che stabilisce il superamento dei 100 mila euro, ma come fare per le ritenute d’acconto?

Verrebbero applicate dai 100 mila in su? Se applico l’IVA sulle fatture emesse ho diritto anche a detrarle. Da quando?

Quale aliquota applico al mio reddito? L’imposta sostituitiva del 15% fino a 100 mila e poi l’IRPEF a scaglioni?

Sono tutte cose da chiarire.

A prescindere da chi ci governa il fisco ha una difficoltà enorme a semplificare le cose e per ogni cosa fatta bene ce ne sono due fatte male. Per il contribuente.


Ho pensato ti potessero interessare anche questi…

  • Rottamazione-quater entro il 30 aprile 2023
    Dal sito dell’Agenzia Riscossione si può presentare richiesta per la cosiddetta Rottamazione Quater, per definire a condizioni agevolate i sospesi con fisco ed enti previdenziali. Richiesta di adesione solo online entro il 30 aprile, rateazione fino a 18 rate.
  • Forfetari superiori a 25k e fattura elettronica
    Chi ha superato il fatturato di 25 mila euro nel 2022 è obbligato alla fatturazione elettronica dal 2023? E’ questo il dubbio che è venuto a molte imprese e professionisti in regime forfetario esentati dall’obbligo anche dopo il 1 luglio 2022.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici 2023
    Anche per il 2023 è possibile recuperare una parte della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi nell’ambito di una ristrutturazione edilizia.