Che cosa è il reverse charge?

Che cos’è il reverse charge?

Quando emetti una fattura per una prestazione o una vendita normalmente aggiungi l’IVA prevista dalla legge e provvedi a versarla all’erario con la prima liquidazione utile.

Sei responsabile per la corretta applicazione dell’IVA e del relativo versamento.

Che cos’è il reverse charge?

Si tratta dell’inversione degli adempimenti, ovvero l’obbligo di applicare l’IVA e di versarla ricade su chi acquista e non su chi vende.

In sintesi:

  • il venditore che effettua la prestazione emette fattura senza IVA e con la dicitura che si tratta di operazione soggetta ad inversione contabile – reverse charge
  • l’acquirente integra la fattura ricevuta dell’IVA mancante e provvede a versarla

Nel caso del reverse charge il venditore non fa nulla: non indica l’IVA sulla fattura né si preoccupa di versarla, in questo modo si spostano gli obblighi IVA dal venditore all’acquirente.

Nella casistica tradizionale il venditore incassa l’IVA indicata sulla fattura e provvede a versarla, mentre l’acquirente paga l’IVA al fornitore e la detrae da quella da versare.


Ho pensato ti potessero interessare anche questi…

  • Rottamazione-quater entro il 30 aprile 2023
    Dal sito dell’Agenzia Riscossione si può presentare richiesta per la cosiddetta Rottamazione Quater, per definire a condizioni agevolate i sospesi con fisco ed enti previdenziali. Richiesta di adesione solo online entro il 30 aprile, rateazione fino a 18 rate.
  • Forfetari superiori a 25k e fattura elettronica
    Chi ha superato il fatturato di 25 mila euro nel 2022 è obbligato alla fatturazione elettronica dal 2023? E’ questo il dubbio che è venuto a molte imprese e professionisti in regime forfetario esentati dall’obbligo anche dopo il 1 luglio 2022.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici 2023
    Anche per il 2023 è possibile recuperare una parte della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi nell’ambito di una ristrutturazione edilizia.