Perché l'IVA mensile è spesso più conveniente

IVA mensile o trimestrale?

Il versamento dell’IVA è un adempimento periodico di imprese e professionisti.

Ne sono esclusi i forfettari e alcune categorie di operatori economici espressamente previsti dalla legge per i quali l’IVA sulle prestazioni non è applicata.

Qual è il più conveniente? Conviene versare mensilmente o trimestralmente l’IVA? Si può scegliere la modalità di versamento?

Qui trovi i punti essenziali:

  • Il versamento “naturale” è quello mensile, tutte le partite IVA sono tenute a liquidare (conteggiare) l’IVA ogni mese. Il versamento trimestrale è una scelta destinata alle imprese più piccole e ha un costo: il versamento dovuto è maggiorato dell’1% (per molte attività)
  • con la fatturazione elettronica e la facilità di disporre immediatamente dei dati per liquidare l’IVA il versamento mensile mi piace di più:
    • risparmi l’1% in cambio di un versamento più frequente
    • hai una gestione migliore del tuo cash flow
    • versare l’IVA pochi giorni dopo aver emesso la fattura la rende più “digeribile”, versarla dopo due o tre mesi ci fa sentire più tartassati
    • i versamenti sono più frequenti, ma di importo minore
  • i versamenti mensili si effettuano il 16 di ogni mese per le fatture emesse e ricevute nel mese precedente
  • i versamenti trimestrali sono leggermente più difficili da memorizzare:
    • primo trimestre: 16 maggio
    • secondo trimestre: 20 agosto
    • terzo trimestre: 16 novembre
    • quarto trimestre – saldo annuale: 16 marzo
  • l’acconto IVA si versa sempre a fine anno, il 27 dicembre, ed è una previsione del dovuto per l’ultima “frazione” dell’anno – mese o trimestre. Qui e anche qui trovi informazioni riguardo l’acconto IVA e le modalità per ridurlo.

Perchè allora molte aziende versano l’IVA trimestralmente?

E’ un residuo del passato.

Con la fatturazione cartacea era un problema aggiuntivo portare ogni mese al proprio fiscalista il plico delle fatture del mese, che spesso si riduceva a due o tre documenti per le nano-imprese.
Inoltre l’e-mail – che molti non sanno usare ancora oggi – esiste da una trentina d’anni, l’IVA da cinquanta

Era inoltre ritenuto un intervento agevolativo sia verso le micro-imprese, per ridurre gli adempimenti nel corso dell’anno che per i commercialisti i quali possono suddividere la clientela e le relative tempistiche e scadenze.

Oggi questa agevolazione ha un peso diverso, verifica con il tuo fiscalista di fiducia qual è la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Il mio pensiero è che i vantaggi della liquidazione IVA mensile siano superiore agli svantaggi, ma soprattutto che è bello poter scegliere.

Se superi i 400 mila euro (e operi nei servizi) o i 700 mila euro (per le altre attività) non puoi scegliere il versamento trimestrale (tranne alcuni casi)

Se vuoi approfondire vai alla pagina dedicata dell’Agenzia delle Entrate


C’è altra roba per te

  • Che cosa è l’IVIE?
    L’IVIE è un’imposta patrimoniale dovuta per il possesso di immobili all’estero, una sorta di IMU dovuta dai residenti in Italia sui patrimoni immobiliari riportati nel quadro RW della dichiarazione dei redditi.
  • Registro delle Opposizioni e marketing selvaggio
    Dal 27 luglio è possibile bloccare le chiamate indesiderate dei call center sia per i numeri di rete fissa che per i cellulari. Sono dubbioso, ma ci provo.
  • Che cos’è il reverse charge?
    Quando emetti una fattura per una prestazione o una vendita normalmente aggiungi l’IVA prevista dalla legge e provvedi a versarla all’erario con la prima liquidazione utile
  • IVA mensile o trimestrale?
    Perché l’IVA mensile è spesso più conveniente di quella trimestrale per le imprese individuali di minuscole dimensioni
  • La presentazione del modello ISEE e le agevolazioni 2022
    L’attestazione ISEE certifica la situazione del nucleo familiare per richiedere bonus e agevolazioni
  • Staking e criptovalute, cosa dice il fisco?
    La normativa riguardante il mondo crypto è ancora lacunosa, occorre quindi rifarsi alle leggi in vigore preesistenti alle criptovalute e ai recenti interpelli dell’Agenzia delle Entrate che danno interpretazioni e linee guida in relazione a casi specifici
  • Come funzionano le detrazioni fiscali per i figli a carico?
    Fino al 2021 compreso per i figli a carico spetta una detrazione fiscale da ripartire in parti uguali fra i due genitori, ovvero di uno sconto dalle imposte da utilizzare in dichiarazione dei redditi
  • Cashback medicinali, come funziona?
    Rimborsi in denaro istantanei per le spese sanitarie senza attendere la dichiarazione dei redditi? Vedremo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...