IVA per cassa, come funziona

IVA per cassa: cos’è e come funziona

L’IVA per cassa è stata introdotta dal Decreto Sviluppo (art. 32-bis D.L. n. 83/2012).

Che cosa è l’IVA per cassa

Si tratta di un’opzione che può essere esercitata da imprese e professionisti al fine di posticipare l’esigibilità dell’IVA al momento dell’incasso o pagamento della fattura.

In ogni caso deve avvenire entro un anno dal momento in cui l’operazione viene effettuata (salvo procedure concorsuali in essere).

Chi può aderire

Possono esercitare l’opzione imprese e professionisti relativamente alle operazioni effettuate nei confronti di altre imprese e professionisti.

Le operazioni effettuate nei confronti dei privati non vengono considerate.

Requisito per esercitare l’opzione è altresì il fatturato dell’anno precedente (o quello che si prevede di realizzare in caso di inizio attività): massimo 2 milioni di euro.

Come si esercita l’opzione IVA per cassa

E’ sufficiente barrare la casella presente sulla dichiarazione IVA relativa all’anno in cui si aderisce.

Vale quindi il principio del comportamento concludente: prima applico il regime, poi esercito l’opzione.

L’opzione vincola per tre anni, dopo di che si rinnova automaticamente anno per anno.

Sulla fattura deve essere indicato: operazione con “IVA per cassa” ai sensi dell’articolo 32-bis del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83

Quali operazioni non rientrano nell’IVA per cassa

Operazioni passive

  • acquisti di beni e servizi soggetti all’IVA con il meccanismo del reverse charge;
  • acquisti intracomunitari di beni;
  • le importazioni di beni;
  • le estrazioni di beni dai depositi IVA

Operazioni attive

  • le operazioni effettuate applicando i regimi speciali Iva (ad esempio, quelli per l’agricoltura e le attività connesse, del margine, delle agenzie di viaggi e turismo)
  • le operazioni effettuate nei confronti di consumatiri finali
  • le operazioni effettuate nei confronti di contribuenti che assolvono l’imposta mediante il meccanismo dell’inversione contabile (reverse charge)
  • le operazioni soggette ordinariamente a esigibilità differita, senza limite annuale (articolo 6, quinto comma, Dpr n. 633/1972), come le vendite allo Stato, alle Asl, agli enti ospedalieri oppure le cessioni di prodotti farmaceutici effettuate dai farmacisti
  • le cessioni intracomunitarie, le cessioni all’esportazione e le operazioni assimilate, i servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali, per i quali il cedente o prestatore nazionale non indica l’Iva in fattura e non è debitore della relativa imposta

Decorrenza del regime IVA per cassa

Tutte le operazioni effettuate a partire dal 1 dicembre 2012, per gli anni successivi la decorrenza è il 1 gennaio di ogni anno.

Precisazioni

Le fatture devono essere annotate sui registri IVA secondo le modalità ordinarie poichè ai fini del volume d’affari e della Dichiarazione IVA devono essere indicate nell’anno in cui sono effettuate.

La liquidazione dell’IVA, invece, avviene nel mese/trimestre in cui le stesse sono pagate o incassate.

In caso di pagamento parziale la quota IVA sarà proporzionata.

Qualora venga superato il limite di due milioni di euro a partire dal mese successivo il regime cessa automaticamente.


Copertina: Photo by Andrea Piacquadio

Ho pensato ti potessero interessare anche questi…

  • Rottamazione-quater entro il 30 aprile 2023
    Dal sito dell’Agenzia Riscossione si può presentare richiesta per la cosiddetta Rottamazione Quater, per definire a condizioni agevolate i sospesi con fisco ed enti previdenziali. Richiesta di adesione solo online entro il 30 aprile, rateazione fino a 18 rate.
  • Forfetari superiori a 25k e fattura elettronica
    Chi ha superato il fatturato di 25 mila euro nel 2022 è obbligato alla fatturazione elettronica dal 2023? E’ questo il dubbio che è venuto a molte imprese e professionisti in regime forfetario esentati dall’obbligo anche dopo il 1 luglio 2022.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici 2023
    Anche per il 2023 è possibile recuperare una parte della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi nell’ambito di una ristrutturazione edilizia.