Quali sono i regimi contabili

I tre regimi contabili

I regimi contabili esistenti oggi sono tre.

Ogni regime contabile è naturale, ovvero conseguenza diretta del volume d’affari e dell’inquadramento fiscale.

  • Regime contabile ordinario
  • Regime contabile semplificato
  • Regime forfetario

Il regime dei minimi, ancora esistente, non è più adottabile poiché è stato sostituito dal regime forfetario.

Nota: il regime forfetario non è un regime contabile in senso stretto poiché gli adempimenti previsti sono quasi inesistenti. E’ giusto citarlo perché rappresenta comunque un’alternativa.

Come scegliere il regime contabile

La scelta del regime contabile è subordinata alla forma d’impresa e al volume d’affari.

La contabilità ordinaria è obbligatoria per le società di capitale e per le imprese che superano un certo volume d’affari, ovvero

  • 400mila euro per chi opera nei servizi
  • 700mila per gli altri settori

Negli altri casi è opzionale.

Il regime semplificato e il regime forfetario sono naturali per le imprese e i professionisti di micro dimensioni. In entrambi i casi sono subordinati al volume d’affari indicato sopra.

Se superi il volume d’affari devi applicare la contabilità ordinaria, al di sotto sei naturalmente incluso nella contabilità semplificata senza effettuare scelte.

La contabilità ordinaria è l’unico regime contabile che può essere adottato da chiunque.


Ho pensato ti potessero interessare anche questi…

  • Rottamazione-quater entro il 30 aprile 2023
    Dal sito dell’Agenzia Riscossione si può presentare richiesta per la cosiddetta Rottamazione Quater, per definire a condizioni agevolate i sospesi con fisco ed enti previdenziali. Richiesta di adesione solo online entro il 30 aprile, rateazione fino a 18 rate.
  • Forfetari superiori a 25k e fattura elettronica
    Chi ha superato il fatturato di 25 mila euro nel 2022 è obbligato alla fatturazione elettronica dal 2023? E’ questo il dubbio che è venuto a molte imprese e professionisti in regime forfetario esentati dall’obbligo anche dopo il 1 luglio 2022.
  • Bonus mobili ed elettrodomestici 2023
    Anche per il 2023 è possibile recuperare una parte della spesa sostenuta per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi nell’ambito di una ristrutturazione edilizia.