Qual è il giusto mezzo per pubblicare?

Il giusto mezzo

In questo periodo storico non mancano certo le scelte. L’informazione, la divulgazione e l’intrattenimento viaggiano in rete più veloci del pensiero.

Qual è il miglior medium per la tua comunicazione online?

In passato c’erano solo i giornali, poi la radio, poi la TV. I tre principali sensi erano soddisfatti, la vista per leggere il giornale, l’udito per ascoltare la radio, la vista (e l’udito) per la televisione, lo strumento considerato più coinvolgente.

Oggi questi tre mezzi sono profondamente trasformati, ma non i nostri sensi.

La parola scritta continua ad esistere sia sui giornali che sui blog, la radio non è morta anche se molti programmi sono diventati podcast e la televisione, almeno in parte, si è trasformata in contenuti video su piattaforme dedicate come You Tube e simili.

Qual è, dunque, il mezzo migliore per pubblicare i tuoi contenuti?

Se ti limiti a seguire i trend il rischio di non raggiungere gli obiettivi programmati è molto alto.

Scegliere la piattaforma sulla base del solo fatto che “potrebbe funzionare meglio” o perché è popolare è una scelta rischiosa.

I contenuti audio e video funzionano molto bene e sicuramente avranno una ulteriore diffusione nei prossimi anni, ma il mio suggerimento è uno solo:

scegli il mezzo di pubblicazione con il quale ti senti più a tuo agio, usalo per sei mesi regolarmente e se l’entusiasmo non si è esaurito quello è il mezzo giusto per te.

Tutto il resto non conta.

Nessuno vieta di inserire un secondo mezzo successivamente, e magari un terzo. Se cominci con un blog o una rivista puoi aggiungere un podcast e un canale video in tempi successivi.

Il mezzo che utilizzi ha la sua importanza perché può raggiungere platee diverse, ma deve essere adatto alla tua personalità e alla tua comunicazione.

E’ meglio utilizzare bene un mezzo meno popolare piuttosto che male uno più diffuso.

E non dimenticare di divertirti.


Copertina: Photo by olia danilevich from Pexels

C’è altra roba per te

  • Che cosa è l’IVIE?
    L’IVIE è un’imposta patrimoniale dovuta per il possesso di immobili all’estero, una sorta di IMU dovuta dai residenti in Italia sui patrimoni immobiliari riportati nel quadro RW della dichiarazione dei redditi.
  • Registro delle Opposizioni e marketing selvaggio
    Dal 27 luglio è possibile bloccare le chiamate indesiderate dei call center sia per i numeri di rete fissa che per i cellulari. Sono dubbioso, ma ci provo.
  • Che cos’è il reverse charge?
    Quando emetti una fattura per una prestazione o una vendita normalmente aggiungi l’IVA prevista dalla legge e provvedi a versarla all’erario con la prima liquidazione utile
  • IVA mensile o trimestrale?
    Perché l’IVA mensile è spesso più conveniente di quella trimestrale per le imprese individuali di minuscole dimensioni
  • La presentazione del modello ISEE e le agevolazioni 2022
    L’attestazione ISEE certifica la situazione del nucleo familiare per richiedere bonus e agevolazioni
  • Staking e criptovalute, cosa dice il fisco?
    La normativa riguardante il mondo crypto è ancora lacunosa, occorre quindi rifarsi alle leggi in vigore preesistenti alle criptovalute e ai recenti interpelli dell’Agenzia delle Entrate che danno interpretazioni e linee guida in relazione a casi specifici
  • Come funzionano le detrazioni fiscali per i figli a carico?
    Fino al 2021 compreso per i figli a carico spetta una detrazione fiscale da ripartire in parti uguali fra i due genitori, ovvero di uno sconto dalle imposte da utilizzare in dichiarazione dei redditi
  • Cashback medicinali, come funziona?
    Rimborsi in denaro istantanei per le spese sanitarie senza attendere la dichiarazione dei redditi? Vedremo.