Come calcolare il Contributo perequativo

Come calcolare il contributo perequativo

Nei giorni scorsi il contributo a fondo perduto perequativo ha preso forma attraverso un nuovo decreto.

Le modalità di calcolo indicate mi fanno pensare che, tra i soggetti più piccoli con redditi bassi, non saranno molti a percepirlo.

Il contributo perequativo spetta a chi ha avuto un peggioramento del risultato economico nel 2020, rispetto all’anno precedente, almeno del 30%.

Viene erogato al netto dei contributi Covid già percepiti.

I due requisiti si accompagnano all’aver già inviato entro il 30 settembre 2021 la dichiarazione dei redditi per il 2020.

Si può inviare una dichiarazione integrativa?

Sì. In tal caso il provvedimento specifica che eventuali dichiarazioni correttive o integrative presentate oltre il 30.09.2021, per i periodi 2019 2020, non impattano sul contributo qualora ne derivi un importo del ristoro maggiore rispetto a quello risultante dalle dichiarazioni trasmesse entro il 30.09.2021.

Come si calcola il contributo perequativo

Il contributo spetta a tutti i professionisti e le imprese secondo lo schema seguente:

  • 30% del peggioramento per i soggetti con ricavi/compensi 2019 fino a 100.000 euro;
  • 20% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 tra 100.000 e 400.000 euro; 
  • 15% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 tra 400.000 e 1 milioni di euro;
  • 10% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 tra 1 e 5 milioni di euro;
  • 5% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 tra 5 e fino a 10 milioni di euro.

I campi della dichiarazione da considerare per determinare il peggioramento del risultato economico 2019 e 2020 sono indicati in questo documento.

Esempio di calcolo Contributo perequativo

Ricavi/compensi 2019Inferiori a 100K
Risultato esercizio 202025.000
Risultato esercizio 201940.000
Perdita %37,50%
Contributi Covid ricevuti:
– art. 25 del D.L. n. 34/2020 Decreto Rilancio(-) 1.000
– articoli 59 e 60, D.L. n. 104/2020 Decreto Agosto
– articoli 1, 1-bis e 1-ter, D.L. n. 137/2020 Decreto Ristori(-) 1.000
– art. 2, D.L. n. 172/2020 Decreto Natale
– art. 1, D.L. n. 41/2021 Decreto Sostegni
– art. 1, commi da 1 a 3 e commi da 5 a 13, D.L. n. 73/2021 Decreto Sostegni-bis
Perdita reale13.000
Contributo spettante3.900
Come calcolare il contributo perequativo

Nota: i dati sono farlocchi, ma le modalità di calcolo sono queste.

Come già per gli altri contributi ricevuti puoi scegliere se utilizzarlo in compensazione su modello F24 (credito d’imposta) o riceverlo sul conto corrente.

L’importo massimo erogabile è 150.000 euro.


Altri Contributi Covid

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Gli acconti delle imposte e la dicotomia del controllo

La scadenza del versamento delle imposte è vicinissima e molti professionisti e imprenditori si chiedono se sia giusto pagare in corso d’anno invece di versare dopo la presentazione della dichiarazione.
Non tutto però è fuori dal nostro controllo.

Vota:

Rottamazione ter – bollettini e verifica stralcio

C’è un servizio per verificare l’avvenuto stralcio delle cartelle, nonché la possibilità di scaricare i bollettini della rottamazione ter e del saldo e stralcio direttamente dal sito dell’Agenzia Riscossione.

Vota:

I 3 tipi di firma digitale

La firma digitale sta sostituendo quella tradizionale cartacea in molti documenti e contratti.
Di cosa si tratta?

Vota:

Il magico potere del journaling

Non è un mistero che tenere un diario, magari manoscritto, abbia poteri benefici sul nostro quotidiano e su tutto il nostro mondo.

Per noi bambini della Generazione X era frequente avere un diario, magari protetto da un lucchetto dorato e una chiavetta di latta, nel quale annotare i nostri pensieri, le nostre paure, gli amori impossibili.

Vota:

Aprire un’attività a costo zero (o quasi)

Quando hai molti soldi tutto è più facile: le scelte, le decisioni, gli acquisti. Anche avviare un’attività di successo.
Ma come fare allora se hai pochi soldi e vuoi avviare un’attività in proprio?

Vota:

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Esonero contributi INPS 2021

Scade oggi 30 settembre il termine per presentare la domanda di esonero parziale da parte di artigiani commercianti e professionisti che hanno subito una diminuzione di fatturato nel 2020

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.