Rottamazione ter – bollettini e verifica stralcio

Rottamazione ter e saldo e stralcio

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate riscossione è possibile scaricare una copia delle rate della “Definizione agevolata delle cartelle”, la cosiddetta Rottamazione-ter.

Il servizio è utilizzabile anche senza pin e password accedendo alle sezioni dedicate alla rottamazione ter e al saldo e stralcio.

È sufficiente inserire il proprio codice fiscale e la documentazione richiesta per il riconoscimento, oltre ad un indirizzo email presso il quale ricevere i bollettini.

Dall’area riservata del sito internet, a cui si accede con le credenziali Spid, Cie e Cns, è invece possibile scaricarli direttamente.

Servizio di verifica stralcio

Recentemente il decreto Sostegni-bis aveva previsto l’annullamento delle cartelle inferiori a €5.000 per i soggetti con un reddito inferiore a €30.000 nell’anno 2019.

Le cartelle riguardano il periodo di 2000-2010 e l’annullamento era previsto entro il 31 ottobre 2021.

Per conoscere l’effettivo esito di tale provvedimento si può ricorrere al servizio verifica stralcio presente sul sito.

Le scadenze della definizione agevolata

Le scadenze di pagamento della definizione agevolata sono state rimodulate dal decreto fiscale (Dl n. 146/2021) che  ha fissato al 30 novembre 2021 il termine entro il quale versare le rate 2020 e 2021 della “rottamazione-ter” e del “saldo e stralcio” per non perdere i benefici previsti.  


“Stralcio” dei debiti fino a 5 mila euro – Verifica il tuo piano di pagamento della Definizione agevolata

Scopri se nel tuo piano di pagamento della “Rottamazione-ter” e del “Saldo e stralcio” sono presenti debiti annullati come previsto dal “Decreto Sostegni”

Cos’è la “Rottamazione-ter”

L’articolo 3 del Decreto Legge n. 119/2018 ha introdotto la Definizione agevolata dei carichi affidati all’Agente della riscossione (cosiddetta “Rottamazione-ter”), in favore di tutti coloro che hanno uno o più debiti con Agenzia delle entrate-Riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.

Cos’è il “Saldo e stralcio”

La Legge n. 145/2018 ha introdotto il “Saldo e stralcio” delle cartelle, ossia una riduzione delle somme dovute, per i contribuenti in grave e comprovata difficoltà economica.


Foto di copertina Sora Shimazaki da Pexels

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Gli acconti delle imposte e la dicotomia del controllo

La scadenza del versamento delle imposte è vicinissima e molti professionisti e imprenditori si chiedono se sia giusto pagare in corso d’anno invece di versare dopo la presentazione della dichiarazione.
Non tutto però è fuori dal nostro controllo.

Vota:

Come calcolare il Contributo perequativo

Il contributo perequativo spetta a chi ha avuto un peggioramento nel risultato economico tra il 2019 e il 2020 del 30% o più.
Attenzione ai contributi Covid già percepiti.

Vota:

I 3 tipi di firma digitale

La firma digitale sta sostituendo quella tradizionale cartacea in molti documenti e contratti.
Di cosa si tratta?

Vota:

Il magico potere del journaling

Non è un mistero che tenere un diario, magari manoscritto, abbia poteri benefici sul nostro quotidiano e su tutto il nostro mondo.

Per noi bambini della Generazione X era frequente avere un diario, magari protetto da un lucchetto dorato e una chiavetta di latta, nel quale annotare i nostri pensieri, le nostre paure, gli amori impossibili.

Vota:

Aprire un’attività a costo zero (o quasi)

Quando hai molti soldi tutto è più facile: le scelte, le decisioni, gli acquisti. Anche avviare un’attività di successo.
Ma come fare allora se hai pochi soldi e vuoi avviare un’attività in proprio?

Vota:

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.