Una splendida giornata

Organizzazione lavorativa

La giornata lavorativa ottimale la crei tu, non fartela gestire da altri.

Che ne dici di cominciarla ricordando a te stesso/a che la giornata che ti aspetta sarà fantastica?

Prova. Costa poco ed è efficace.

Ci sono anche altri metodi però, meno emozionali e più pratici su cui puoi fare leva per ottimizzare la tua giornata lavorativa.

Io ne ho identificati tre seguendo una regola di buon senso:

Organizza un piano giornaliero per assicurarti di investire saggiamente il tuo tempo

1. Crea una routine quotidiana

Impostare una routine quotidiana e stabilire abitudini consolidate può sembrare noioso, ma i risultati sono a portata di mano.

Eccone tre:

  • Riduci il multitasking
  • Ti focalizzi sul compito previsto
  • Hai meno decisioni da prendere

La routine quotidiana presenta anche un altro indubbio vantaggio: ti permette di acquisire gradualmente nuove piccole abitudini per il tuo miglioramento personale e professionale.

Ogni cambiamento porta con sé un grado di stress e di difficoltà, cercare di introdurre gradualmente piccoli cambiamenti è più facile che non modificare una grossa abitudine o un comportamento consolidato.

2. Utilizza blocchi temporali

Ci sono i fautori delle to-do list e quelli degli slot temporali.

Ritengo che il metodo più efficace sia quello che funziona meglio per te, tutto il resto è filosofia da bar.

Il tempo è una risorsa limitata, quante volte ti sei trovato a congratularti con te stesso per avere fatto un sacco di cose mentre altre volte a guardarti indietro e chiederti: “Ma dov’è volato il tempo?”

D’altronde la vita stessa non è ciò che accade mentre siamo impegnati a fare altri progetti?

Utilizzare dei blocchi temporali significa:

  • programmare ogni singolo evento giornaliero
  • definire il tempo esatto da dedicare a ciascuno di essi

In questo modo ogni attività è scadenzata in maniera tale da mantenere alta la concentrazione per terminarla nel tempo stabilito.

3. Tecnica del pomodoro

Il principio di base di questa tecnica mi ricorda molto le ripetute dei runner, i quali le inseriscono periodicamente nella loro preparazione.

Si tratta di ripetere più volte lo stesso gesto (corsa) seguito da un periodo di riposo (break) secondo uno schema prestabilito.

La tecnica è molto semplice: lavori per 25 minuti poi fa una pausa di 5 minuti.

Ogni singolo blocco è definito “pomodoro” dalla tipologia di timer che spesso utilizziamo in cucina e che ha la sagoma del pomodoro.

Ogni quattro “pomodori” fai seguire una pausa più lunga di 15-20 minuti.

È una tecnica molto semplice, ma come le ripetute nel running porta all’ottimizzazione dei tempi e delle prestazioni, oltre a creare una varietà nell’allenamento/lavoro.


Nota: è evidente che ogni singolo suggerimento va adattato alle preferenze individuali; ogni giornata è un regalo che abbiamo, cerchiamo di farla diventare degna di essere vissuta a pieno.

Buon lavoro.


Foto di copertina: Polina Kovaleva da Pexels

Ispirazione per l’articolo: BestSelf

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Gli acconti delle imposte e la dicotomia del controllo

La scadenza del versamento delle imposte è vicinissima e molti professionisti e imprenditori si chiedono se sia giusto pagare in corso d’anno invece di versare dopo la presentazione della dichiarazione.
Non tutto però è fuori dal nostro controllo.

Vota:

Come calcolare il Contributo perequativo

Il contributo perequativo spetta a chi ha avuto un peggioramento nel risultato economico tra il 2019 e il 2020 del 30% o più.
Attenzione ai contributi Covid già percepiti.

Vota:

Rottamazione ter – bollettini e verifica stralcio

C’è un servizio per verificare l’avvenuto stralcio delle cartelle, nonché la possibilità di scaricare i bollettini della rottamazione ter e del saldo e stralcio direttamente dal sito dell’Agenzia Riscossione.

Vota:

I 3 tipi di firma digitale

La firma digitale sta sostituendo quella tradizionale cartacea in molti documenti e contratti.
Di cosa si tratta?

Vota:

Il magico potere del journaling

Non è un mistero che tenere un diario, magari manoscritto, abbia poteri benefici sul nostro quotidiano e su tutto il nostro mondo.

Per noi bambini della Generazione X era frequente avere un diario, magari protetto da un lucchetto dorato e una chiavetta di latta, nel quale annotare i nostri pensieri, le nostre paure, gli amori impossibili.

Vota:

Aprire un’attività a costo zero (o quasi)

Quando hai molti soldi tutto è più facile: le scelte, le decisioni, gli acquisti. Anche avviare un’attività di successo.
Ma come fare allora se hai pochi soldi e vuoi avviare un’attività in proprio?

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.