Esonero contributi INPS 2021

Esonero contributi INPS 2021

Scade oggi 30 settembre il termine per presentare la domanda di esonero parziale da parte di artigiani commercianti e professionisti che hanno subito una diminuzione di fatturato nel 2020.

La domanda va presentata attraverso il cassetto previdenziale della propria gestione – artigiani e commercianti oppure liberi professionisti (gestione separata).

È sufficiente che tu acceda con le tue credenziali SPID oppure, solo per oggi, con quelle rilasciate dall’INPS.

Per la presentazione della domanda puoi utilizzare uno dei seguenti percorsi a seconda della categoria di appartenenza:

  • Gestione speciale artigiani e commercianti: Cassetto previdenziale per Artigiani e Commercianti > Esonero contributivo art.1, co 20-22 bis L.178/2020;
  • Professionisti iscritti alla Gestione separata: Cassetto Previdenziale Liberi Professionisti > Domande Telematiche > Esonero contributivo L. 178/2020.

I requisiti sono chiari, non tutti possono presentare richiesta di esonero contributivo per il 2021.

Lista dei beneficiari e requisiti

  • Artigiani, commercianti, coltivatori diretti, professionisti iscritti alla gestione separata INPS, anche medici e infermieri già in pensione cui sono stati conferiti incarichi per far fronte all’emergenza Covid-19
  • con diminuzione di fatturato nel 2020 non inferiore al 33% rispetto al 2019. Tale requisito non rileva per chi ha iniziato nel 2020
  • Occorre aver percepito nel 2019 un reddito da lavoro non superiore a 50 mila euro
  • Requisito essenziale è la regolarità contributiva documentata dal DURC
  • Non essere titolari di contratto di lavoro subordinato ad eccezione del contratto di lavoro intermittente
  • Non percepire una pensione diretta diversa dall’invalidità o trattamenti simili (ad eccezione del personale sanitario in pensione richiamato per l’emergenza Covid-19)

Il contributo esonerabile può arrivare al massimo a 3.000 euro e comunque fino a concorrenza dei fondi disponibili.

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Gli acconti delle imposte e la dicotomia del controllo

La scadenza del versamento delle imposte è vicinissima e molti professionisti e imprenditori si chiedono se sia giusto pagare in corso d’anno invece di versare dopo la presentazione della dichiarazione.
Non tutto però è fuori dal nostro controllo.

Vota:

Come calcolare il Contributo perequativo

Il contributo perequativo spetta a chi ha avuto un peggioramento nel risultato economico tra il 2019 e il 2020 del 30% o più.
Attenzione ai contributi Covid già percepiti.

Vota:

Rottamazione ter – bollettini e verifica stralcio

C’è un servizio per verificare l’avvenuto stralcio delle cartelle, nonché la possibilità di scaricare i bollettini della rottamazione ter e del saldo e stralcio direttamente dal sito dell’Agenzia Riscossione.

Vota:

I 3 tipi di firma digitale

La firma digitale sta sostituendo quella tradizionale cartacea in molti documenti e contratti.
Di cosa si tratta?

Vota:

Il magico potere del journaling

Non è un mistero che tenere un diario, magari manoscritto, abbia poteri benefici sul nostro quotidiano e su tutto il nostro mondo.

Per noi bambini della Generazione X era frequente avere un diario, magari protetto da un lucchetto dorato e una chiavetta di latta, nel quale annotare i nostri pensieri, le nostre paure, gli amori impossibili.

Vota:

Aprire un’attività a costo zero (o quasi)

Quando hai molti soldi tutto è più facile: le scelte, le decisioni, gli acquisti. Anche avviare un’attività di successo.
Ma come fare allora se hai pochi soldi e vuoi avviare un’attività in proprio?

Vota:

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.