Proroga versamenti al 15 settembre per i soggetti ISA

Tasse al 15 settembre

Una risoluzione di pochi giorni fa dell’Agenzia delle Entrate ha finalmente chiarito chi versa al 15 settembre e con quali modalità.

Chi ha un’attività soggetta agli ISA, ex studi di settore, può usufruire della proroga al 15 settembre senza maggiorare gli importi.

Il tentativo di agevolare le attività economiche più piccole spostando la scadenza al 15 settembre serve solo a creare l’ennesimo calendario differenziato.

Non potevano pensarci prima?

Due mesi fa non eravamo in difficoltà?

Chi può versare entro il 15 settembre

Lo spostamento della scadenza al 15 settembre riguarda tutte le attività per le quali esistono gli indicatori sintetici di affidabilità fiscale – ISA, che in passato conoscevamo come studi di settore.

Sono agevolati anche i soci delle società coinvolte, nonché i regimi agevolati per i quali abitualmente non vengono applicati gli Isa come il regime forfetario e il regime dei minimi.

Rientrano anche le attività che quest’anno sono escluse dall’applicazione degli ISA per altre cause.

Modalità di versamento

Il versamento si effettua rigorosamente con modello F24 telematico; i soci non titolari di partita IVA possono optare anche per un anacronistico versamento cartaceo allo sportello bancario o postale.

In caso di utilizzo di crediti in compensazione è obbligatorio il modello telematico per tutti.

L’importo delle imposte risultante dal Modello Redditi, originariamente in scadenza il 30 giugno 2021, può essere versato entro il 15 settembre anche con una rateazione autogestita, ovvero con scadenze e importi a libera scelta senza alcuna maggiorazione.

Il versamento a rate dal 15 settembre

Gli importi non ancora versati entro il 15 settembre possono essere oggetto di rateizzazione in un massimo di 4 rate calendarizzate secondo uno schema ridicolo che prevede le prime due rate in due giorni per i titolari di partita IVA.

Rateazione titolari di partita IVA

Le quattro rate possibili per chi ha la partita IVA:

  1. Rata 15 settembre, senza interessi
  2. Rata 16 settembre, interessi 0,01%
  3. Rata 18 ottobre, interessi 0,34%
  4. Rata 16 novembre, interessi 0,67%

Rateazione non titolari di partita IVA

Le quattro rate possibili per chi NON ha la partita IVA, ad esempio i soci:

  1. Rata 15 settembre, senza interessi
  2. Rata 30 settembre, interessi 0,17%
  3. Rata 2 novembre, interessi 0,50%
  4. Rata 30 novembre, interessi 0,83%

Chi ha già cominciato il proprio piano di rateazione può proseguirlo senza effettuare variazioni, oppure considerare le nuove scadenze e modalità al netto di quanto già versato.

Esempio di calcolo

Ipotizziamo i soliti 1.000 euro da versare quale somma delle imposte derivanti dalla dichiarazione, per l’IRPEF e le addizionali, cui aggiungere l’IRAP e i contributi INPS eccedenti il minimale di reddito, ovvero a percentuale.

  1. Divido l’importo nelle quattro rate che intendo pagare: 1.000 : 4 = 250 euro
  2. Su ogni singola rata da 250 euro applico i rispettivi interessi secondo la tabella indicata sopra, ovvero
    • Rata 1: 250 euro
    • Rata 2: 250 + 0,01%
    • Rata 3: 250 + 0,34%
    • Rata 4: 250 + 0,67%

Considerazione finale

La scelta delle rate è libera e facoltativa.

Qual é la ragione per avere la prima e la seconda rata a distanza di un giorno?

In cosa consiste l’agevolazione?

Rimarrò con questo dubbio. E non sarò solo.

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Esonero contributi INPS 2021

Scade oggi 30 settembre il termine per presentare la domanda di esonero parziale da parte di artigiani commercianti e professionisti che hanno subito una diminuzione di fatturato nel 2020

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.