Esonero e proroga dei versamenti INPS 2021 per professionisti e imprese

Proroga versamenti INPS 2021

L’INPS ha posticipato al 20 agosto la scadenza dei contributi per artigiani e commercianti in attesa rendere operativo l’esonero contributivo parziale per il 2021 previsto dalla Legge di Bilancio.

A seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19, è stato infatti introdotto l’esonero parziale dei contributi dovuti dai lavoratori autonomi e i liberi professionisti iscritti alle gestioni INPS e alle casse previdenziali professionali autonome.

Rinvio scadenza al 20 agosto

La scadenza originaria della prima delle quattro rate dovute dagli artigiani e commercianti era prevista per il 17 maggio scorso; il nuovo calendario sposta la scadenza al 20 agosto 2021.

I contributi fissi si versano mediante i modelli di pagamento F24 alle scadenze seguenti:

  • 17 maggio 2021 20 agosto 2021
  • 20 agosto 2021
  • 16 novembre 2021
  • 16 febbraio 2022

E’ evidente che questa “agevolazione” provoca una sovrapposizione della prima e seconda rata in scadenza il 20 agosto prossimo

Esonero contributivo freelance e imprese individuali

L’esonero contributivo, o anno bianco previdenziale, riguarda solo alcune categorie; per quanto ci riguarda si tratta di:

  • artigiani
  • commercianti
  • professionisti iscritti alla Gestione separata INPS

entro il limite di 3.000 euro annui riparametrati ai mesi di attività svolti.

IMPORTANTE:

  1. per artigiani e commercianti l’esonero si applica ai soli contributi fissi
  2. per i professionisti iscritti alla Gestione Separata l’esonero riguarda i contributi complessivi calcolati sul reddito dovuti a titolo di acconti 2021
  3. i contributi oggetto di esonero si riferiscono all’anno 2021 e in scadenza entro fine 2021
  4. se versati in eccesso è possibile usarli in compensazione (o richiedere rimborso)

Esonero contributivo: istanza e requisiti

Per gli iscritti alle gestioni INPS che abbiano avviato l’attività entro il 2019 i requisiti richiesti per l’accesso all’esonero sono:

  1. calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto al 2019
  2. reddito complessivo di lavoro nel 2019 non superiore a 50.000 euro. (N. B. I limiti reddituali non si applicano a coloro che hanno avviato l’attività nel 2020)
  3. non essere titolari di contratti di lavoro subordinato, ad eccezione del lavoro intermittente senza indennità di chiamata
  4. non essere titolari di pensione diretta tranne l’assegno di invalidità
  5. essere in regola con i versamenti INPS – (DURC regolare)

Entro il 31 luglio 2021 occorre fare domanda all’INPS – attendiamo le istruzioni – autocertificando il possesso di tutti i requisiti indicati.

E’ possibile fare richiesta di esonero contributivo soltanto ad un ente previdenziale e di non aver superato l’importo individuale di aiuti UE previsti dal “Quadro temporaneo per le misure di aiuti di stato nell’attuale emergenza Covid 19


Circolare numero 17 del 09-02-2021

Aliquote INPS 2021 artigiani e commercianti


Circolare numero 12 del 05-02-2021

Aliquote Gestione separata INPS 2021

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Gli acconti delle imposte e la dicotomia del controllo

La scadenza del versamento delle imposte è vicinissima e molti professionisti e imprenditori si chiedono se sia giusto pagare in corso d’anno invece di versare dopo la presentazione della dichiarazione.
Non tutto però è fuori dal nostro controllo.

Vota:

Come calcolare il Contributo perequativo

Il contributo perequativo spetta a chi ha avuto un peggioramento nel risultato economico tra il 2019 e il 2020 del 30% o più.
Attenzione ai contributi Covid già percepiti.

Vota:

Rottamazione ter – bollettini e verifica stralcio

C’è un servizio per verificare l’avvenuto stralcio delle cartelle, nonché la possibilità di scaricare i bollettini della rottamazione ter e del saldo e stralcio direttamente dal sito dell’Agenzia Riscossione.

Vota:

I 3 tipi di firma digitale

La firma digitale sta sostituendo quella tradizionale cartacea in molti documenti e contratti.
Di cosa si tratta?

Vota:

Il magico potere del journaling

Non è un mistero che tenere un diario, magari manoscritto, abbia poteri benefici sul nostro quotidiano e su tutto il nostro mondo.

Per noi bambini della Generazione X era frequente avere un diario, magari protetto da un lucchetto dorato e una chiavetta di latta, nel quale annotare i nostri pensieri, le nostre paure, gli amori impossibili.

Vota:

Aprire un’attività a costo zero (o quasi)

Quando hai molti soldi tutto è più facile: le scelte, le decisioni, gli acquisti. Anche avviare un’attività di successo.
Ma come fare allora se hai pochi soldi e vuoi avviare un’attività in proprio?

Vota:

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.