Contributi a imprese e professionisti nella bozza del Decreto Sostegno

Contributi Decreto sostegni

Nella bozza del Decreto Sostegno del 1 marzo scorso compare anche un contributo a fondo perduto per professionisti e imprenditori legato al calo di fatturato.

Dovrebbe avere caratteristiche simili a quelli erogati durante l’anno 2020.

Nella relazione illustrativa si fa riferimento ad un sostegno erogato dall’Agenzia delle Entrate alle imprese maggiormente colpite dalla crisi dovuta al Covid-19 a prescindere dal codice attività.

Questa sembra essere la differenza maggiore rispetto ai contributi precedenti.

Vediamo i punti fondamentali in attesa dell’approvazione definitiva del Decreto Sostegno.

A chi spetta il contributo

spetta ai titolari di partita IVA che svolgono attività come

  • imprenditori
  • liberi professionisti

purchè residenti / operanti in Italia

Non spetta il contributo alle attività cessate alla data di entrata in vigore del decreto e chi ha attivato la partita IVA dopo l’entrata in vigore del decreto.

Condizioni necessarie

  • ammontare di compensi e ricavi nel 2019 non superiore a 5 milioni di euro
  • il contributo spetta se l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del 2020 è inferiore di almeno un terzo rispetto all’anno precedente.

Come calcolare il contributo a fondo perduto del Decreto Sostegno


L’ammontare del contributo si calcola applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del 2020 rispetto al 2019.

Nella bozza del 1 marzo si fa riferimento al bimestre gennaio-febbraio, mentre da piu’ parti si richiede di estendere l’arco temporale di riferimento a tutto l’anno.

La percentuale di ristoro dovrebbe essere così calcolata;

  • 20% della perdita di fatturato per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 400 mila euro
  • 15% della perdita di fatturato per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 1 milione euro
  • 10% della perdita di fatturato per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 5 milioni euro
    nel periodo d’imposta 2019.

Inoltre secondo la bozza del decreto sono previsti un contributo massimo pari a 150.000 euro e un contributo minimo di 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 euro per gli altri.

L’istanza dovrebbe essere presentata direttamente all’Agenzia delle Entrate tramite una piattaforma appositamente allestita, verosimilmente la stessa già usata in precedenza.

Fra pochi giorni sapremo di piu’.

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Gli acconti delle imposte e la dicotomia del controllo

La scadenza del versamento delle imposte è vicinissima e molti professionisti e imprenditori si chiedono se sia giusto pagare in corso d’anno invece di versare dopo la presentazione della dichiarazione.
Non tutto però è fuori dal nostro controllo.

Vota:

Come calcolare il Contributo perequativo

Il contributo perequativo spetta a chi ha avuto un peggioramento nel risultato economico tra il 2019 e il 2020 del 30% o più.
Attenzione ai contributi Covid già percepiti.

Vota:

Rottamazione ter – bollettini e verifica stralcio

C’è un servizio per verificare l’avvenuto stralcio delle cartelle, nonché la possibilità di scaricare i bollettini della rottamazione ter e del saldo e stralcio direttamente dal sito dell’Agenzia Riscossione.

Vota:

I 3 tipi di firma digitale

La firma digitale sta sostituendo quella tradizionale cartacea in molti documenti e contratti.
Di cosa si tratta?

Vota:

Il magico potere del journaling

Non è un mistero che tenere un diario, magari manoscritto, abbia poteri benefici sul nostro quotidiano e su tutto il nostro mondo.

Per noi bambini della Generazione X era frequente avere un diario, magari protetto da un lucchetto dorato e una chiavetta di latta, nel quale annotare i nostri pensieri, le nostre paure, gli amori impossibili.

Vota:

Aprire un’attività a costo zero (o quasi)

Quando hai molti soldi tutto è più facile: le scelte, le decisioni, gli acquisti. Anche avviare un’attività di successo.
Ma come fare allora se hai pochi soldi e vuoi avviare un’attività in proprio?

Vota:

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.