Riduzione del tasso d’interesse per il 2021, ravvedimento operoso sempre più conveniente

Interessi legali allo 0,01%

Dopo due consecutivi aumenti del tasso di interesse legale nel 2018 e nel 2019, riprende il trend discendente dello scorso anno in cui si pagava lo 0,05%.

Dal 1 gennaio 2021 scatta la riduzione allo 0,01%.

La variazione del tasso di interesse ha impatti su diversi aspetti dell’economia, ma l’aspetto che forse, più di ogni altro, interessa professionisti e ditte individuali è il ravvedimento operoso.

Che cosa cambia per il ravvedimento operoso?

Con il “ravvedimento” (art. 13 del Dlgs n. 472 del 1997) è possibile regolarizzare omessi o insufficienti versamenti e altre irregolarità fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni e aggiungendo gli interessi al tasso legale.

La diminuzione del tasso di interesse legale allo 0,01% sostanzialmente azzera gli interessi dovuti sulle somme dovute nell’anno in corso.

Esempio

Immagina di dovere al fisco 1.000 euro il primo gennaio 2021 e decidi di ritardare il versamento di un anno.

Sai quanti interessi ti vengono richiesti? E le sanzioni?

Interessi

  • 1.000 x 0,01 x 365 : 36.500 = 10 centesimi

Sanzioni

  • 1.000 x 3,75% = 37,50 euro (se paghi entro 365 giorni)
Andamento tasso interesse
Tabella sanzioni e interessi per il ravvedimento operoso 2021

Versamento minimo su modello F24

Le istruzioni della dichiarazione dei redditi riportano:

l’importo minimo da indicare nel modello relativamente ad ogni singolo codice tributo è pari a euro 1,03.

Ci sono quindi due interpretazioni possibili:

  1. Se l’importo dovuto in seguito al ravvedimento è inferiore a 1,03, non è dovuto alcun importo.
  2. Se l’importo dovuto è inferiore a 1,03 devo versare il minimo, ovvero 1,03.

Esperienza personale

Da quando esiste il ravvedimento operoso (A.D. 1997) e il modello F24 (se non ricordo male Aprile 1998), ho fatto versare indifferentemente l’importo effettivamente dovuto, anche se di pochi centesimi, e in altri casi € 1,03.

In nessun caso mi è stato contestato il comportamento.

La normativa che prevede il versamento minimo di € 1,03 significa, a mio parere, che non è dovuto se inferiore.

Tuttavia è una strada che non consiglio per il semplice fatto che gli avvisi di liquidazione (avvisi bonari) sono automatici; la possibilità che ti venga recapitato in assenza di versamento perchè inferiore a € 1,03 non è così remota.

Consiglio operativo

Effettua i versamenti derivanti dal ravvedimento operoso tenendo conto del minimo di € 1,03 per ogni codice tributo, anche se l’importo dovuto dovesse essere inferiore.

Come fare per calcolare il dovuto se cambiano gli interessi?

Per il calcolo degli interessi a cavallo di due anni diversi occorre fare due calcoli distinti.

Se devi calcolare gli interessi per un mancato versamento dello scorso anno si dovranno conteggiare gli interessi dovuti in questo modo:

  • per i giorni relativi al 2020 si applica il tasso dello 0,05%
  • mentre dal 1° gennaio 2021 al giorno dell’effettivo pagamento si applica lo 0,01%

Strumenti utili e gratuiti per calcolare il ravvedimento operoso in totale autonomia

Foglio di calcolo per la gestione del ravvedimento operoso
Foglio di calcolo per la gestione del ravvedimento operoso

Ravvedimento operoso

Ho aggiornato il file alla normativa attuale per calcolare il ravvedimento operoso sui versamenti effettuati dopo la scadenza.

Funziona con Libre Office / Open Office

Foglio di calcolo per la gestione del ravvedimento operoso
Foglio di calcolo per la gestione del ravvedimento operoso

Ravvedimento avviso bonario

Se paghi in ritardo una rata di un avviso bonario puoi regolarizzare il versamento entro la scadenza di quella successiva.

Funziona con Libre Office / Open Office


Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.


Aggiornati

gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.

E quando sei stufo ti cancelli.

Ultimi contenuti pubblicati

Bonus affitto negozi e botteghe

Credito d’imposta per botteghe e negozi

Una delle prime misure a sostegno della liquidità delle imprese è stato il “Credito d’imposta per botteghe e negozi” – introdotto dal Decreto Cura Italia – destinato a coprire il 60 per cento dell’affitto di marzo effettivamente pagato.
A chi è destinato e come si usa?

Vota:

Oggi scade il saldo IMU 2020, ma non per tutti

Nel tentativo di supportare le imprese danneggiate dall’emergenza Covid i vari decreti di quest’anno rivedono anche i destinatari del versamento IMU, sia in acconto che a saldo.
In ogni caso chi versa in ritardo può ridurre le sanzioni con il “Ravvedimento operoso”

Vota:

Contributo a fondo perduto ristoratori

Contributo a fondo perduto per i ristoratori

C’è un fondo da 600 milioni di euro destinato all’acquisto di prodotti 100% Made in Italy di cui si è parlato poco.
E’ riservato ai ristoratori per l’acquisto di almeno tre prodotti differenti tra quelli ammessi.
La domanda scade il 15 dicembre 2020.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: