Bonus POS – Credito d’imposta sui pagamenti elettronici

Credito d'imposta del 30 per cento sulle commissioni per pagamenti elettronici

Già da luglio scorso esiste un rimborso parziale delle spese sugli incassi tramite pos per artigiani, commercianti e professionisti da utilizzare in compensazione sulle deleghe di pagamento F24.

E’ il cosiddetto “bonus POS” che viene generato ogni mese dalle commissioni sugli incassi elettronici del mese precedente.

Come funziona il credito d’imposta sui pagamenti elettronici?

Ogni mese gli operatori finanziari che mettono a disposizione gli strumenti per i pagamenti elettronici comunicano all’Agenzia delle Entrate l’ammontare degli incassi e delle relative commissioni.

Il 30% delle commissioni viene rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare con modello F24 in compensazione con altri debiti.

Il codice tributo da utilizzare per la compensazione è il seguente:

  • 6916” – “Credito d’imposta commissioni pagamenti elettronici – articolo 22, decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124”.
Esempio di utilizzo in compensazione del credito d’imposta sulle commissioni POS di novembre (6916) con il versamento dell’acconto IVA (6035) in scadenza il 28 dicembre 2020

Tre condizioni per l’utilizzo del “bonus POS”

Le imprese e i professionisti che nell’anno 2019 hanno ricavi o compensi inferiori a 400.000 euro possono usufruire del credito.

Le commissioni sugli incassi POS che permettono di far maturare il credito d’imposta sono esclusivamente quelle addebitate per le transazioni effettuate con i consumatori finali.

Per usufruire del credito d’imposta sui pagamenti elettronici occorre compensarlo tramite modello F24 da inviare attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, ovvero Fisconline o Entratel.

Non è consentito l’utilizzo attraverso il proprio Homebanking – Remote banking.


Il credito d’imposta deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui è maturato e viene riportato in quelle successive fino al proprio esaurimento.

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Esonero contributi INPS 2021

Scade oggi 30 settembre il termine per presentare la domanda di esonero parziale da parte di artigiani commercianti e professionisti che hanno subito una diminuzione di fatturato nel 2020

Vota:

Proroga versamenti al 15 settembre per i soggetti ISA

Una risoluzione di pochi giorni fa dell’Agenzia delle Entrate ha finalmente chiarito chi versa al 15 settembre e con quali modalità.
Chi ha un’attività soggetta agli ISA, ex studi di settore, può usufruire della proroga al 15 settembre senza maggiorare gli importi.
E può fare una strana rateazione.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.