Credito d’imposta per botteghe e negozi

Bonus affitto negozi e botteghe

Una delle prime misure a sostegno della liquidità delle imprese è stato il Credito d’imposta per botteghe e negozi introdotto dal Decreto Cura ItaliaDL 17 marzo 2020, n. 18

Si tratta di un credito d’imposta riconosciuto per venire incontro al pagamento dell’affitto di marzo 2020 da parte delle imprese nelle prime settimane dell’emergenza.

E’ un bonus dalla portata limitata, ma di facile utilizzo.

E’ sicuramente meno sofisticato del Credito d’imposta sulle locazioni non abitative e per l’affitto d’azienda previsto dal Decreto Rilancio.

Definizione

Che cos’è il bonus botteghe e negozi

Si tratta di un credito d’imposta del 60 per cento dell’affitto di marzo effettivamente pagato; spetta alle sole imprese in possesso di un contratto d’affitto relativo ad un C/1.

E’ compensabile su F24 con il codice tributo 6914 utilizzando Fisconline o Entratel.

Non tutti rientrano

Soggetti esclusi

Si tratta quindi di un bonus di facile fruizione, ma non tutti possono beneficiarne.

Rimangono esclusi dall’agevolazione:

  • i liberi professionisti
  • le attività di cui agli allegati 1 e 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020 – ovvero coloro che erano rimasti aperti durante il “lock-down” (vedi dettaglio)

Utilizzo solo su F24

Come si utilizza

Si può utilizzare in compensazione su modello F24 a partire dal 25 marzo scorso con il codice tributo 6914 attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, ovvero Fisconline o Entratel.

Non è richiesto alcun calo di fatturato come per altre agevolazioni, ma per usufruirne occorre aver effettivamente pagato la mensilità di marzo.

Casi particolari

Il credito d’imposta spetta anche se

l’immobile locato è formato da un negozio (C/1) e una pertinenza (C/3), affittati con canone unitario, il credito d’imposta spetta sull’intero canone se la pertinenza è utilizzata per lo svolgimento dell’attività;

rientrano anche le spese condominiali se formano parte integrante del canone di locazione.

Novità

Cessione del credito d’imposta

La novità più grande è rappresentata dalla possibilità di cedere il credito anzichè spenderlo su F24.

In tal caso occorre comunicarlo all’Agenzia delle Entrate utilizzando le proprie credenziali Fisconline o Entratel.

Modulo per la cessione del credito d’imposta sulle locazioni commerciali

La procedura è intuitiva e totalmente online, accedendo alla propria area riservata con SPID o con le credenziali rilasciate dall’Agenzia delle Entrate.

Una volta effettuato l’accesso occorre individuare la procedura seguendo il percorso:

  • La mia scrivania
  • Servizi per
  • Comunicare

e poi selezionare “Comunicazione cessione crediti d’imposta locazioni

Procedura online per comunicare la cessione del credito d’imposta negozi e botteghe

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Esonero contributi INPS 2021

Scade oggi 30 settembre il termine per presentare la domanda di esonero parziale da parte di artigiani commercianti e professionisti che hanno subito una diminuzione di fatturato nel 2020

Vota:

Proroga versamenti al 15 settembre per i soggetti ISA

Una risoluzione di pochi giorni fa dell’Agenzia delle Entrate ha finalmente chiarito chi versa al 15 settembre e con quali modalità.
Chi ha un’attività soggetta agli ISA, ex studi di settore, può usufruire della proroga al 15 settembre senza maggiorare gli importi.
E può fare una strana rateazione.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.