Il Decreto Ristori cancella il saldo IMU 2020

Cartello Closed

Il “Decreto Ristori” del 28.10.2020 ha cancellato il saldo dell’IMU previsto per il prossimo 16 dicembre.

L’agevolazione, prevista dall’articolo 9 del decreto, spetta per le stesse attività sottoposte a restrizioni dall’allegato 1, articolo 1 del DL n. 137/2020)

A chi spetta l’agevolazione

Le aziende interessate alla cancellazione del saldo IMU 2020 appartengono agli stessi settori per cui è previsto il contributo a fondo perduto e per le quali risultano già partiti i primi bonifici.

Si tratta di attività nei settori

  • della ristorazione e della somministrazione di cibi e bevande (bar, pasticcerie, gelaterie, ristoranti),
  • della ricettività alberghiera, del turismo, dello sport, del benessere fisico (piscine, palestre),
  • dello spettacolo, della cultura, dell’organizzazione di fiere e altri eventi

L’esenzione dal saldo IMU spetta a condizione che il proprietario dell’immobile sia anche gestore dell’attività imprenditoriale che vi viene esercitata

Esenzioni IMU per i settori del turismo e dello spettacolo

Il Decreto Legge 104/2020 (Decreto Agosto) era già intervenuto in materia IMU.

L’articolo 78 ha previsto l’esenzione dal pagamento della seconda rata dell’IMU per le strutture dei settori turismo e spettacolo

Nel dettaglio ecco gli immobili per i quali è prevista l’abolizione del saldo IMU 2020:

  • gli immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché gli immobili degli stabilimenti termali
  • gli immobili rientranti nella categoria catastale D/2 (alberghi e pensioni con fine di lucro) e relative pertinenze, gli immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività lì esercitate
  • gli immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni
  • gli immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, purché ci sia corrispondenza tra relativo proprietario e gestore dell’attività (per tale tipologia di immobili, tra l’altro, l’esenzione dall’IMU è prevista anche per gli anni 2021 e 2022, previa autorizzazione della Commissione europea)
  • gli immobili destinati a discoteche, sale da ballo, night-club e simili, sempreché proprietario e gestore coincidano.

Riepilogo

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Esonero contributi INPS 2021

Scade oggi 30 settembre il termine per presentare la domanda di esonero parziale da parte di artigiani commercianti e professionisti che hanno subito una diminuzione di fatturato nel 2020

Vota:

Proroga versamenti al 15 settembre per i soggetti ISA

Una risoluzione di pochi giorni fa dell’Agenzia delle Entrate ha finalmente chiarito chi versa al 15 settembre e con quali modalità.
Chi ha un’attività soggetta agli ISA, ex studi di settore, può usufruire della proroga al 15 settembre senza maggiorare gli importi.
E può fare una strana rateazione.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.