Decreto liquidità: finanziamenti più facili

Fondo di Garanzia 2020, accesso al credito più facile

Il Decreto liquidità ha esteso la portata del Fondo di Garanzia pubblico per l’accesso al credito di professionisti e PMI.

Per favorire la ripartenza del sistema produttivo italiano è stato trasformato il Fondo di Garanzia per le PMI in uno strumento capace di garantire 100 miliardi di liquidità estendendo l’utilizzo anche alle imprese fino a 499 dipendenti.

Decreto liquidità e prestiti agevolati

Lo snellimento delle procedure burocratiche dovrebbe velocizzare e semplificare l’accesso ai finanziamenti agevolati sia da parte di imprese che di professionisti.

Come funziona?

Il Fondo di Garanzia funge da garante dei debiti contratti dai richiedenti come previsto dal Decreto liquidità; le garanzie previste sono queste:

Garanzia al 100% – Prestiti fino a 25 mila euro

Per i prestiti fino al 25% dei ricavi 2019 (IVA esclusa) con un massimo erogabile di 25 mila euro non vengono effettuate valutazioni di merito; in questo caso le banche possono erogare i prestiti senza attendere il via libera del Fondo di Garanzia.

Il tasso di interesse dovrebbe essere stimato tra l’1,2% e il 2% con restituzione in sei anni e due anni di preammortamento durante i quali si pagano soltanto gli interessi.

Garanzia al 90% + 10% – Prestiti fino a 800 mila euro

Per i prestiti fino al 25% dei ricavi (IVA esclusa) con un massimo erogabile di 800 mila euro la garanzia viene prestata per il 90% dallo Stato e per il 10% da Confidi, senza valutazione dell’andamento dell’impresa. Il numero massimo di dipendenti dell’azienda è 499 con un fatturato massimo di 3,2 milioni di euro.

Garanzia al 90% – Prestiti fino a 5 milioni di euro

Per i prestiti fino a 5 milioni di euro viene prestata una garanzia del 90% senza valutazione dell’andamento dell’impresa.

La durata del prestito è stabilita in sei anni.

Non è previsto un massimale di ricavi, tuttavia l’importo massimo finanziabile deve restare all’interno di uno dei seguenti parametri:

  • doppio della spesa salariale
  • 25% dell’ultimo fatturato
  • fabbisogno per capitale esercizio e investimento a 18 mesi

Le nuove regole sono applicabili per tutto il 2020, vediamo una tabella riassuntiva:

Regole più permissive per l'accesso al Fondo di Garanzia per imprese e professionisti

Modulistica e approfondimenti

Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.

Aggiornati gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.
E quando sei stufo ti cancelli.

Per rendere effettiva l’iscrizione occorre confermare l’e-mail ricevuta

Ultimi articoli pubblicati

Una splendida giornata

La giornata lavorativa ottimale comincia con il ricordare a te stesso che sarà fantastica.
Anche organizzarla con un piano giornaliero efficace è utile però.

Vota:

Mettersi in proprio: tre cose da sapere per non sbagliare

Quando intraprendi un’attività in proprio ci sono tre decisioni da prendere prima di cominciare:

1. Il tipo di attività che intendi svolgere

2. Se vuoi lavorare da solo o con dei soci

3. Il regime contabile e fiscale che adotterai

La scelta iniziale condiziona il prosieguo di tutta l’attività futura.

Vota:

Esonero contributi INPS 2021

Scade oggi 30 settembre il termine per presentare la domanda di esonero parziale da parte di artigiani commercianti e professionisti che hanno subito una diminuzione di fatturato nel 2020

Vota:

Proroga versamenti al 15 settembre per i soggetti ISA

Una risoluzione di pochi giorni fa dell’Agenzia delle Entrate ha finalmente chiarito chi versa al 15 settembre e con quali modalità.
Chi ha un’attività soggetta agli ISA, ex studi di settore, può usufruire della proroga al 15 settembre senza maggiorare gli importi.
E può fare una strana rateazione.

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.