Riduzione contributi INPS per artigiani e commercianti in regime forfetario

Artigiani e commercianti possono richiedere la riduzione dei contributi previdenziali se operano in regime forfetario

Artigiani e commercianti in regime forfetario possono richiedere la riduzione dei contributi INPS del 35% entro fine febbraio di ogni anno.

Chi può richiedere la riduzione dei contributi

L’agevolazione riguarda esclusivamente gli artigiani e i commercianti, rimangono esclusi i professionisti.

Quando richiedere l’agevolazione

Entro il 28 febbraio di ogni anno.

Attenzione: coloro che già beneficiano dell’agevolazione non sono tenuti a rinnovare l’adesione.

Sono forfetario dal 2020, cosa devo fare?

Coloro che rientrano nel regime forfetario dal 2020 devono effettuare l’adesione nel più breve tempo possibile al fine di evitare l’emissione della tariffazione annuale.

La richiesta di riduzione è facoltativa.

Come si presenta la domanda

L’istanza deve essere presentata tramite il Cassetto Previdenziale presente sul  portale dell’INPS utilizzando le proprie credenziali:

  • “Prestazioni e servizi”
  • “Cassetto previdenziale per artigiani e commercianti”
  • “Domande telematizzate”
  • “Regime agevolato art. 1 Legge 208/2015” – “Adesione”
La richiesta per la riduzione dei contributi avviene dal proprio "Cassetto Previdenziale"

La richiesta per la riduzione dei contributi avviene dal proprio “Cassetto Previdenziale”

Quanto si paga

La riduzione è pari al 35% dei contributi dovuti, riferito sia al minimale di reddito, che all’eventuale parte di reddito eccedente il minimale.

L’INPS ricorda:

Ai fini dell’accredito di 12 mesi di contribuzione, dunque, dovrà essere versata una somma pari all’importo del contributo dovuto sul minimale. Ove venga effettuato un versamento corrispondente al contributo calcolato sul minimale ordinario ma inferiore rispetto al dovuto, si procederà al recupero della differenza, nel rispetto del limite del 65%.

Rinuncia all’agevolazione

Qualora si perdano i requisiti o si voglia rinunciare all’agevolazione occorre effettuare la revoca entro il 28 febbraio con le stesse modalità.

Le novità del regime forfetario dal 2020 le trovi qui.


Hai bisogno di aiuto?

Mandami un messaggio, solitamente rispondo entro qualche ora.

Se preferisci un contatto più umano lasciami il tuo numero di telefono e le istruzioni per contattarti.


Aggiornati

gratuitamente

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere i nuovi contenuti.

E quando sei stufo ti cancelli.

Ultimi contenuti pubblicati

Bonus affitto negozi e botteghe

Credito d’imposta per botteghe e negozi

Una delle prime misure a sostegno della liquidità delle imprese è stato il “Credito d’imposta per botteghe e negozi” – introdotto dal Decreto Cura Italia – destinato a coprire il 60 per cento dell’affitto di marzo effettivamente pagato.
A chi è destinato e come si usa?

Vota:

Oggi scade il saldo IMU 2020, ma non per tutti

Nel tentativo di supportare le imprese danneggiate dall’emergenza Covid i vari decreti di quest’anno rivedono anche i destinatari del versamento IMU, sia in acconto che a saldo.
In ogni caso chi versa in ritardo può ridurre le sanzioni con il “Ravvedimento operoso”

Vota:

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: